“Anche l’Ugl, con il segretario generale Giovanni Centrella, sarà in piazza il 13 aprile insieme a Cgil, Cisl e Uil, per chiedere al più presto soluzioni concrete ad un problema, quello degli esodati, che non può più essere rinviato e che rischia di innescare gravi tensioni sociali”. È quanto si legge in una nota della segreteria generale dell’Ugl, in cui si aggiunge che “sono necessarie risposte concrete e urgenti per migliaia di persone che stanno vivendo o rischiano di vivere una situazione paradossale e insostenibile, ovvero l’assenza di qualsiasi forma di reddito”. “Allo stesso tempo – prosegue la nota -, l’Ugl manifesterà al fine di ottenere l’abolizione di un’evidente ingiustizia, quella delle ricongiunzioni onerose, che obbliga i lavoratori a sborsare ingenti somme di denaro per vedere riconosciuto un diritto”. “L’auspicio – si conclude nella nota – è che il governo tenga conto di una protesta che sarà portata avanti in modo unitario da tutte le sigle sindacali e da tutti i lavoratori”.