(dall’Agenzia ANSA)

“Il problema del precariato nella scuola non si risolve con proclami”.

Lo dichiara il segretario nazionale dell’Ugl Scuola, Giuseppe Mascolo, spiegando che “ogni anno viene annunciato inizialmente un determinato numero di immissioni di ruolo che, con il passare del tempo, si riduce drasticamente”.

Per il sindacalista “è necessario dare certezze, soprattutto sulla tempistica delle graduatorie. Con i ‘forse’ non si risolvono i problemi:  bisogna dare avvio ad un piano di investimenti pluriennali per stabilizzare i lavoratori con contratto a tempo determinato e per garantire un servizio più efficiente e di qualità”.

“Non dobbiamo dimenticare – conclude – che attualmente in Italia non esiste un sistema di reclutamento al passo con i tempi. Quello che serve è una vera politica di rilancio della scuola pubblica, fondamentale  per l’istruzione e la formazione delle generazioni future”.